Ristoranti in provincia di Taranto

Descrizione

Nel pieno centro di Martina Franca, in Via Mercadante, difronte all’omonima Torre, è nato, nella primavera del 2013, il Ristorante Torre di Angelucco, che è riuscito a diventare, ben presto, un punto di riferimento, a Martina e dintorni, per gli amanti della cucina gustosa e raffinata allo stesso tempo.

Anima del locale è la chef Angela Pagano, appassionata di cucina sin da piccola, che, dopo numerosi corsi e importanti esperienze, tenendo sempre a mente i segreti imparati dalla mamma, con cui ha mosso i primi passi tra i fornelli, ha deciso di iniziare questa nuova avventura nella cittadina della Valle d’Itria.

A Torre di Angelucco, Angela è riuscita a fondere armoniosamente i suoi “ingredienti” preferiti: la qualità e la freschezza delle materie prime, tutte di stagione, la semplicità delle ricette della tradizione pugliese e una costante cura al dettaglio, all’innovazione e al piacere del cliente. Ingredienti tutti presenti nei due menu, di mare e di terra, che è possibile assaporare ogni giorno sulla tavola di Torre di Angelucco.

Ad accompagnare Angela nella sua “missione”, sempre pronto a consigliare il giusto vino da abbinare alle portate servite, c’è Alessandro Ancona, esperto e amante di vini, nonché suo compagno di vita.

Entrando a Torre di Angelucco, circondati dalla pietra viva delle pareti, dalla raffinatezza dell’arredamento, e dalla musica soft che diffonde in sala, si respira un’atmosfera familiare e accogliente: è come se Angela e Alessandro, a pranzo e a cena, aprissero le porte della loro casa per accompagnare i visitatori in un percorso gastronomico fatto di amore per il buon cibo.

Un amore che si rispecchia nei piatti che Angela prepara, in un connubio di sapori e colori difficili da dimenticare. La stessa Angela è spesso presente in sala, insieme ad Alessandro, per spiegare i piatti serviti e per scambiare qualche parola con i clienti. 

                                                                                                            Francesca Chirulli

Questo ristorante conquista il secondo posto nella trasmissione del 2015 di “4 Ristoranti” condotta da Alessandro Borghese su SkyUno, puntata dedicata alla "Cucine di Famiglia". Ristorante Torre di Angelucco è una tappa obbligata se si è a Martina Franca.

 Torre di Angelucco

TORRE DI ANGELUCCO

Menu Degustazione "Terra" / € 43,00
Menu Degustazione Mare / € 43,00

Nel pieno centro di Martina Franca, in Via Mercadante, difronte all’omonima Torre, è nato, nella primavera del 2013, il Ristorante Torre di...

CASAMATTA RESTAURANT DI VANILIA WINE RESORT

Menu Degustazione Casamatta / € 56,00
Menu Degustazione "...a Mano Libera dello Chef" / € 80,00

Il ristorante Casamatta è un’autentica esperienza gastronomica in una cornice suggestiva. La sala ristorante ospita una serie di tavoli di epoche e stili diversi, accostati in maniera...

Descrizione

Tomà è il suono dialettale di un nome che porta con sé tanti ricordi.

Tomà è il suono delle mani laboriose di una nonna che con amore e dedizione cucina: sveglia presto, per preparare il sugo, fiamma bassa e il borbottio che riempie il cuore.

Tomà è il suono dei campi, degli ortaggi e della frutta raccolti insieme al nonno.

Tomà è il suono del piatto preferito preparato con cura dalla mamma: cime di rapa, rigorosamente fatte in casa.

Tomà è passione, è ricordi, è energia, emozione e tradizione.

CHEF Tommaso Pioggia: «Quando è stato il momento d’iscrivermi alla scuola superiore, ho scelto l’Alberghiero perché aspiravo a poter fare quello che avevo qualche volta sbirciato nelle cucine dei ristoranti. D’estate lavoravo. Il sabato e la domenica, trattorie e pizzerie. Poi, una volta diplomato, ho lavorato in tutti e quattro i villaggi turistici di Castellaneta Marina e lì ho incominciato a imparare i segreti del mestiere. È stato fondamentale, per la mia formazione, uno chef martinese: Vito Norvedi. È stato un po’ il mio maestro. A lui devo molto. A diciannove anni sono andato a Londra dove ho lavorato per un anno in un clubprivato, l’Harry’s bar. Ci andavano a mangiare parecchi personaggi famosi. Vedevo come in un sogno questa cucina magnifica, con tante padelle di rame, che mi ricordava quella del cartone animato Ratatouille. L’anno successivo ho lavorato a Porto Cervo. Poi all’Hotel Royal di Sanremo, a Zermatt in Svizzera, a Saint Moritz, Riva del Garda, Madonna di Campiglio, Roma, Capri ... Ho girato tanto che faccio fatica a ricordare tutti i posti dove sono stato. A Monza ho cucinato per la Formula Uno. Quando lavoravo in montagna ho imparato lo snowboard e a Dubai l’ho fatto nel deserto». Tratto da un intervista di "Cronache Martinesi" del 17/08/17.

Per l'intervista completa di seguito il link: http://www.cronachemartinesi.it/notizia.asp?ID=338

 Toma' Restaurant